LA REGIONE INFLIGGE 4,5 MILIONI DI PENALI A CAF


La Regione, a fronte dell’inadempimento della Caf rispetto i tempi di consegna dei nuovi treni Civity, ha notificato l’applicazione delle penali per l’importo massimo previsto, che si attesta attorno ai 4,5 milioni di euro.

“Oltre ad essere ‘parte danneggiata’ da questa situazione – precisa l’ass ai trasporti Maria Grazia Santoro – questa Amministrazione ha voluto attivarsi direttamente con le istituzioni ed autorita’ coinvolte al fine di sollecitare lo svolgimento delle pratiche necessarie. Le prove in linea dei treni sono finalmente iniziate in Toscana, e stanno dando esiti positivi”.

In merito al nuovo orario cadenzato l’assessore Santoro ha inoltre  ricordato che verranno attuate un insieme di misure correttive, che apporteranno, laddove tecnicamente fattibile, alcune modifiche all’orario. “Il documento contenente le variazioni, condivise con i pendolari – ha affermato Santoro – e’ stato consegnato a Trenitalia il 29 gennaio scorso, ma gli uffici regionali sono ancora in attesa di un riscontro da Trenitalia sulla fattibilita’ e sui corrispettivi richiesti.

Particolare attenzione infine e’ rivolta alla Linea 15 Trieste-Tarvisio, che sta soffrendo un sensibile calo di puntualita’ a causa principalmente di rallentamenti (non riassorbibili dall’attuale materiale rotabile) dovuti a lavori in galleria sulla linea Pontebbana che si protrarranno fino a fine anno.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Comunicazioni utili ai pendolari. Contrassegna il permalink.

4 risposte a LA REGIONE INFLIGGE 4,5 MILIONI DI PENALI A CAF

  1. Deborah ha detto:

    Non ho ben capito. La Caf è l’azienda spagnola che produce treni? Se si, perchè multarli? Mi fa ridere questa cosa perchè i treni nuovi sono fermi da quasi un anno!!! Ovviamente non si guarda mai in casa propria, si trovano scuse su scuse per non far partire questi nuovi treni e poi si multa un’azienda che è in ritardo e poi in ogni caso i treni anche se fossero pronti per tempo rimarrebbero comunque fermi!!

  2. Piernicola ha detto:

    Ci chiediamo cosa diavolo significhi “In merito al nuovo orario cadenzato l’assessore Santoro ha inoltre ricordato che verranno attuate un insieme di misure correttive, che apporteranno, laddove tecnicamente fattibile, alcune modifiche all’orario”, ossia? I treni (il mio adorato 11011 delle 6:31 da Udine partirà ed arriverà finalmente come sta scritto sull’orario o devo continuare a pensare di avere a che fare con dei pinocchi (per non offendere troppo)??? Eppoi cosa aspettiamo dal 29 gennaio? Rincari e ritardi sono le uniche cose amaramente ed ironicamente puntuali in tutta questa bolgia vergognosa che non riconosce il benché minimo senso del pudore e del rispetto per i contratti. Sempre più viaggiare su questi treni…indefinibili per persone di bon ton diventa una avventura bieca e senza alcuna certezza. Serve aggiungere altro? fate pena.

  3. Fabio ha detto:

    Vorrei capire un’altra cosa: mettiamo che dopo le prove arrivino queste tanto agognate autorizzazioni, si suppone che il personale che dovrà condurre i i treni sia stato già addestrato, giusto? In questo caso se ne dovrebbe occupare Trenitalia?

  4. MinueFan ha detto:

    Mi pare che il personale di TrenItalia non sia ancora stato addestrato sui treni nuovi… da quello che mi era stato detto dovrebbe essere un’operazione che richiede solo qualche settimana…

I commenti sono chiusi.