Il costo di Trenitalia


Ciao a tutti,
Riporto il link ad un articolo apparso alcuni giorni fa sul Messaggero Veneto a proposito dei corrispettivo che la regione ha elargito a Trenitalia per il servizio del 2013.
QUI
Una passaggio che mi lascia perplesso e’ quello che riguarda la riapertura delle carrozze.  Sono gia’ alcuni articoli nei quali l’Assessore spiega come la Regione abbia trovato un accordo con Trenitalia per mantere aperte le carrozze che venivano chiuse e riaperte tra FVG e Veneto. La cifra che e’ stata pattuita tra le parti non sembra essere quella richiesta inizialmente da Trenitalia ma un importo forfettario. Penso che per trasparenza sia corretto che la cifra venga resa pubblica senza giri di parole. Il fatto che si taccia sul questo punto mi fa pensare che sebbene ridotti rispetto alla richiesta iniziale, si parli sempre di cifre importanti.

Che sia il caso di fare un integrazione alla richiesta di chiarimenti inviata all’Assessore dal consigliere regionale?

Andrea
  

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Comunicazioni utili ai pendolari. Contrassegna il permalink.

8 risposte a Il costo di Trenitalia

  1. MAX187HO ha detto:

    Caro Andrea credo sia proprio il caso. Trasparenza significa fiducia, fiducia vuol dire responsabilità, che fa rima con ONESTA’! Basta permettere queste prese in giro a nostre spese. Basta. Ne abbiamo piene le tasche di questa gestione del bene pubblico come lo è un trasporto ferroviario: sono soldi nostri, CAVOLO, e abbiamo il sacrosanto diritto e dovere di sapere dove e come vengono spesi. Cosa sta’ succedendo? Trenitaglia “sente” venir meno il prossimo appalto per il servizio Regionale? Tenta maldestramente di tappare le falle? La Regione -contro ogni nostra ingenua quanto semplice logica- fa giochini e tramacci con i grandi capi di Roma? Se alla prossima gara di appalto rivince Trenitaglia vuol dire una cosa sola: o ci sta bene tutto ancora così (e quindi dobbiamo solo considerarci degli idioti visti gli anni pieni di polemiche e reclami appena trascorsi per i quotidiani disservizi patiti), oppure significa che alla Regione Friuli va benissimo questo assurdo sistema di gestione. Pensiamoci bene… Uno sciopero totale dei pendolari di almeno una settimana sarebbe fattibile???? Ciao e w il treno! MAX187HO

  2. MinueFan ha detto:

    Notizia di servizio

    A fine Luglio 2014, dopo 2 anni, è tornato in servizio il Minuetto Diesel 041 del FVG, in pratica il treno sviato a Meduno il 6 Luglio 2012.

  3. simsesta668 ha detto:

    Per quanto mi riguarda, l’accordo con Trenitalia non è un motivo di successo: non posso essere felice che la nostra regione spenda del denaro, anche qualora fosse poco, per delle vetture non necessarie invece che utilizzarlo per completare l’offerta di trasporto pubblico.
    Hanno vinto coloro che il treno non lo prendono ma si scandalizzano se tagliano il collegamento diretto con Roma o se trovano una carrozza chiusa (con altre sei vuote disponibili). E mi meraviglio che la nostra regione, invece di difendere il proprio operato – conseguente al contratto di servizio e a regole di buon senso – si precipita in azioni dal sapore propagandistico, per tacitare appunto coloro che il treno non lo prendono ma sono lì a far la voce grossa per “il principio”.
    Che delusione.

    • pierovisintin ha detto:

      Concordo pienamente con Simone. La Regione sta finanziando dei servizi inutili, quando col medesimo denaro si potrebbe aumentare, anche se non di molto l’ offerta di treni regionali per esempio la tarda sera, al mattino presto, o perché no nelle tante discusse due ore di poc dalle 10 alle 12..

      • Biagio ha detto:

        Non capisco. Mesi fa difendevi a spada tratta i lentissimi ed anacronistici collegamenti Intercity Trieste-Roma di cui si paventava la soppressione, oggi invece proponi la cancellazione delle ben più utili e veloci Frecce da Trieste e Udine verso Milano e Roma…

I commenti sono chiusi.