Un viaggio in Baviera con le compagnie ferroviarie private


Daniele, nuovo collaboratore del blog, ci racconta del suo viaggio in Baviera a bordo di compagnie ferroviarie private. Buona lettura.

A causa di un impegno in Baviera ho recentemente colto l’occasione per percorrere alcune linee del Land. Nella scelta dell’itinerario ho volutamente previsto linee servite da imprese ferroviarie private. Nella sola Baviera dal 1998 sono già state bandite 27 gare per l’affidamento del servizio ferroviario locale, alcune delle quali vinte appunto da nuovi operatori privati.

Il viaggio comincia da Monaco di Baviera, meta raggiunta con uno dei treni Eurocity Venezia-Verona-München gestiti autonomamente dalle ferrovie austriache ÖBB e tedesche DB. L’ipotesi di viaggiare via Tarvisio sfruttando i treni MiCoTra Udine-Villach è stata scartata a priori : l’esistenza di un solo collegamento al giorno è una grossa limitazione, in più con orari scomodissimi per chi abita al di fuori della provincia di Udine. Per i più temerari ricordo anche l’esistenza degli autobus diretti a Villach (in coincidenza con i treni a lunga percorrenza) nonché un treno notturno col quale da Pordenone e Udine è possibile raggiungere direttamente Monaco di Baviera.

Il mio tour in terra teutonica comincia a bordo di un convoglio della compagnia ALEX Länderbahn. Questa impresa, oggi di proprietà delle Ferrovie dello Stato italiane, svolge dal 2003 alcuni servizi assimilabili ai nostri regionali veloci sulle direttrici München – Oberstdorf/Lindau e München – Hof/Furth im Wald.

I convogli ALEX sono generalmente composti da carrozze di seconda mano opportunamente ristrutturate, che garantiscono un confort comunque discreto. E’ addirittura presente una carrozza ristorante, alquanto insolito per un treno regionale! Nel 2009 sono inoltre entrate in servizio alcune moderne carrozze a due piani di nuova costruzione.

Si parte alle 10.44 da München Hbf per giungere alle 12.11 a Regensburg Hbf, la mia prima tappa. Questo treno, dopo aver invertito la marcia e sostituito la locomotiva elettrica con una diesel, prosegue la corsa verso Schwandorf e Hof (in tutto 317 km in 3h 35m).

Immagine
Immagine

Riparto alle 12.20 sulla linea che costeggia il fiume Danubio, la “Donautalbahn” , viaggiando ora con un convoglio della compagnia AGILIS. Questa società opera dal 2010 servizi regionali sulle linee afferenti a Regensburg, per i quali sono stati appositamente acquistati dei nuovi elettrotreni “Coradia Continental” prodotti da Alstom. Il servizio è impeccabile sotto ogni punto di vista. Alle 13.17 si giunge a Ingolstadt Hbf, la mia seconda tappa.

Immagine
Immagine

La stazione di Ingolstadt Hbf è in totale rifacimento, costringendo i viaggiatori ad attendere i treni nel sottopasso per ripararsi dalla debole pioggia.

Durante l’attesa passa il particolare treno “München-Nürnberg-Express“ : si tratta di un servizio regionale che ogni due ore collega Monaco di Baviera con Norimberga percorrendo a 200km/h la stessa linea ad alta velocità utilizzata dai treni a lunga percorrenza. A questi treni si accede con i comuni biglietti a tariffa regionale.

Proseguo alle 14.11 con un treno della Bayerische Regiobahn (BRB) , impresa che ha iniziato l’attività nel 2008. Sono 67 i chilometri da percorrere per giungere ad Augsburg Hbf (alle ore 15.08) a bordo di una moderna automotrice diesel “Lint41” prodotta anch’essa da Alstom. Si tratta di una linea secondaria che attraversa le campagne e piccoli borghi, paragonabile a tante altre linee del nord Italia. Eppure qui sono previste corse cadenzate ogni ora in entrambe le direzioni, ed il riscontro da parte dell’utenza è positivo.

Immagine
Immagine

Da qui in poi utilizzo servizi svolti dalle ferrovie tedesche DB. Il treno scelto parte da Augsburg Hbf alle ore 15.48 ed è affidato ad un’automotrice “Desiro” della tedesca Siemens. La corsa è diretta a Landsberg ma la mia quarta tappa è programmata a Kaufering, qualche chilometro prima.

Immagine
Immagine

Quest’ultima stazione è posta lungo la direttrice verso la Svizzera. Alle 16.29, dopo soli 4 minuti, e con il sole al tramonto aspetto il RE3169 proveniente da Kempten. Questo si presenta composto da due automotrici pendolanti del gruppo 612 che presto si lanciano alla volta della capitale bavarese correndo sul filo del 160km/h. L’inclinazione delle vetture presso ogni curva è chiaramente percettibile, ottima impressione! Il tour termina a München Hbf alle 17.05.

Immagine
Immagine

Sono stati percorsi in totale 370 km in 6 ore e 11 minuti , utilizzando 5 treni di 4 imprese ferroviarie diverse senza registrare alcun ritardo. In tutti i casi i convogli sono risultati puliti e non sono mai mancate le informazioni a bordo. Il controllo del biglietto è avvenuto a bordo di 3 treni; gli altri 2, percorrendo linee secondarie, erano privi di capotreno.

Per compiere l’intero tour ho usufruito del Bayern-Ticket, un biglietto giornaliero di libera circolazione in tutta la Baviera valido per i treni del servizio regionale nonché autolinee, autobus urbani, tram e metropolitane. Il tutto al costo di 22 euro per 1 persona oppure 26 euro per 2 persone.

Immagine

Annunci
Digressione | Questa voce è stata pubblicata in Cultori delle Ferrovie, Racconti di viaggi ferroviari. Contrassegna il permalink.