Quadro orario invernale regione Friuli Venezia Giulia


Dalle ultime informazioni ricevute dagli uffici regionali dell’assessorato alle infrastrutture e trasporti, servizio TPL del FVG sembra non vi saranno tagli ai treni regionali, tanto meno a quei treni chiamati indivisi (treni non contrattualizzati nel contratto regionale di servizio e circolanti a cavallo di due regioni).

Sul versante treni a lunga percorrenza invece ci sono ancora delle lacune informative.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Comunicazioni utili ai pendolari. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Quadro orario invernale regione Friuli Venezia Giulia

  1. Carlo ha detto:

    Beh… bene!!! Per quanto riguarda la lunga percorrenza, l’unico cambiamento significativo sarebbe quello dell’ICN… più il prolungamento su Torino di un FB da Trieste ed il probabile prolungamento su Salerno dell’IC da Trieste…

  2. Luigi Bianchi ha detto:

    Noto con sorpresa che la pratica di pubblicizzare l’orario FS con ritardo ed in modo lacunoso viene ormai accolta come ordinaria amministrazione e non come grave nocumento alla commercializzazione di Trenitalia e inadempienza contrattuale nei confronti della clientela reale e potenziale. Tale pratica – autolesionistica – si conforma a quella dell’agente che si presenta al cliente privo del catalogo dell’offerta e delle condizioni e tariffe, per una visita di cortesia quindi e non per vendere il prodotto treno, anticipando il ritiro dal mercato dell’impresa per cui lavora. Non solo i pendolari, ma tutti i viaggiatori, tutti gli amministratori dovrebbero invece elevare una vibrata protesta per questa ennesima manifestazione del degrado del servizio pubblico offerto dalle Ferrovie Italiane, il cui capitale è sottoscritto interamente dallo Stato e quindi da tutti i cittadini che pagano le tasse. Le società di diritto privato per la gestione dei servizi pubblici vennero introdotte per una gestione manageriale finalizzata al miglioramento del servizio vettoriale FS (merci e viaggiatori), non già per chiudere, ridimensionare i servizi arrivando ad intaccare la base essenziale di tutte le imprese ferroviarie: l’informazione.

I commenti sono chiusi.