Chiusura linea Gemona Sacile fino a dicembre


Abbiamo richiesto urgenti spiegazioni agli uffici regionali in merito.

Ecco il comunicato FS:

http://www.fsnews.it/cms/v/index.jsp?vgnextoid=bbca88b2ad759310VgnVCM1000008916f90aRCRD

intreno@regione.fvg.it

Buongiorno,

Gentilmente si chiedono urgenti spiegazioni sulla chiusura fino a dicembre della linea.
Si sospetta, non a torto, che la frana di qualche mese fa possa favorire finalmente la decisione da parte di RFI di sbarazzarsi del peso di questa linea.
Vi preghiamo di informarci quanto prima.

Cordiali saluti,

Marco Chiandoni

E iniltrato ai quotidiani:

———- Messaggio inoltrato ———-
Da: FerroviaCasarsaPortogruaro.it
Data: venerdì 24 agosto 2012
Oggetto: Sacile-Gemona chiusa fino a Dicembre

Si inoltra per conoscenza l’urgente richiesta di chiarimenti inviata oggi agli uffici regionali sulla decisione di RFI e Trenitalia di chiudere per 4 mesi la linea Gemona Sacile e autosostituire le corse.
Si teme che sia il preludio alla totale chiusura, come già successo per linee analoghe in altre regioni italiane.

Marco Chiandoni

20120824-150125.jpg

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Comunicazioni disservizi, Comunicazioni utili ai pendolari, Cultori delle Ferrovie. Contrassegna il permalink.

22 risposte a Chiusura linea Gemona Sacile fino a dicembre

  1. giacinto filippig ha detto:

    La notizia mi ha proprio intristito,avrei di quei aggettivi verso quei dirigenti che a farlo in USA mi darebbero la pena di morte!!! Io con la CFP ci lavoro su quei treni,pulizie e rifornimento nafta,dunque anche x la cooperativa meno introiti e le conseguenze si sanno verso i dipendenti ( giá in solidarietá a 35h settimanali da novembre 2011 per 12 mesi ( intanto!!! ) temo sia l’anticamera della chiusura,pensano solo a quei Frecci Rossa in c……! Mandi

  2. Anna-Maria ha detto:

    sono stata poche ore fa sul luogo della frana, e ho anche fatto delle foto. Sono tutte SCUSE per chiudere senza chiudere (ossia: non dare il servizio mantenendo però in piedi il contratto con relativi pagamenti da Regione a Trenitalia). I danni di luglio sono stati in gran parte riparati, si fa persino fatica a capire che lì c’ è stato un deragliamento. L’ unico segno è la ghiaia nuova sulla massicciata, che andrebbe un po’ ridotta in quanta intasa un po’ di più i binari (se ciò basti a non far passare un treno questo non lo so). Tutto lì il nostro grande disastro ferroviario!!!
    Io abito a Sequals, uso da anni la linea e quindi so di cosa parlo. Per contatti amici.gemonasacile@gmail.com … sono Anna-Maria

    • Marco Chiandoni ha detto:

      Piacere di conoscerti!
      Ci mandi le foto che le pubblico subito?
      Bugiardi che non sono altro!

  3. Carlo ha detto:

    Io ho letto che negli ultimi giorni stavano ancora lavorando.
    Secondo me, la linea non chiuderà. Non ha senso mettere a posto tutto per poi chiudere…

    • Marco Chiandoni ha detto:

      Non mi fido. E perchè chiuderla se è giunto il commento che mi informa che i lavori sono più che finiti?

  4. Carlo ha detto:

    Mah… nel forum di ferrovie.it qualcuno ha detto di essere andato a vedere i giorni scorsi a Maniago e di aver visto lavori in corso… tra l’altro ci sono pure delle foto…

    • Marco Chiandoni ha detto:

      Confronteró con le foto che riceveró dalla signora.

      • Anna-Maria ha detto:

        … in attesa che mi dai la mail alla quale spedire le foto (scattate in terriotorio comunale di Meduno, sul luogo della frana… NON a Maniago), rispondo volentieri sui “lavori in corso” a Maniago.
        Com’ è tradizione sulla nostra linea, fermano i treni per 1 mese abbondante (ma nel 2009 i mesi furono 3) dicendoci “per lavori”. Poi qualche lavoretto lo fanno anche, ma non si vede alcun movimento se non nelle ultime 2 settimane di autosostituzione.
        Così quest’ anno. E’ da 10-15 giorni al massimo che a Maniago (e anche a Polcenigo) staziona il mezzo giallo di servizio, e hanno anche portato delle traversine nuove. Poi basta. Nel senso che non si vede un operaio, niente… Anche venerdì scorso, in orario lavorativo (ore 15:45 circa), ho fatto un giro della stazione per vedere se si muoveva qualcosa, ma non c’ era anima viva a parte un barbone che si era messo lì a fare il pisolino.

  5. Carlo ha detto:

    Poi, c’è sempre la questione del materiale. Se il Minuetto danneggiato non è ancora rientrato in funzione, forse hanno preferito sostituire tutto, finché non potrà circolare nuovamente.

    • Marco Chiandoni ha detto:

      Puó essere, ma allora che imparino a scrivere i comunicati più chiari.
      So che Alstom sta verificando il materiale in tutta Italia, ma credo sia bene fare campagna agitazione preventiva. Che ne pensi?

    • Anna-Maria ha detto:

      Normalmente i Minuetti in servizio sono due. Se il n. 1 è ancora guasto, mi domando perché non riaprire la linea con un servizio parziale che copra almeno l’ orario delle scuole!!! La Gemona-Sacile NON E’ un ramo secco. Certo fino a Maniago salgono 4 gatti, ma da Maniago in poi salgono decine di ragazzi, decine a Maniago, decine a Montereale, decine ad Aviano. A Sacile San Liberale (che è la fermata delle scuole) il treno del mattino arriva alle 7:45 circa, quasi pieno. E sapete il bello? tutte queste persone, in una sola corriera, non ci entrano!
      Carlo, vedo che tu cerchi di vedere la buona fede da parte di Trenitalia e rispetto questa tua linea, davvero. Se i miei timori che chiudano tutta la baracca si rivelassero infondati, credimi, sarei felice di avere torto marcio. E’ che io, dopo che a febbraio si sono inventati persino la neve pur di non portarci al lavoro… non credo più UNA PAROLA di quello che Trenitalia scrive.

      • Carlo ha detto:

        Per la precisione nei feriali, sulla Sacile-Gemona c’è un solo Minuetto che circola. Ce ne sono 2 nei festivi, tenendo conto però che nei festivi la Casarsa-Portogruaro è chiusa e quindi lascia i materiali liberi.
        Poi, per sostituire il treno che arriva a Sacile alle 7:50, verranno messi 2 autobus: uno parte da Pinzano alle 6:09 e l’altro da Maniago alle 6:45 con arrivo entrambi a Sacile alle 7:50. Quindi, il problema del sovraffollamento sarebbe risolto.
        Mi dispiace, ma io non vedo per nulla la buonafede di TrenItalia… sono da anni tutti i giorni sulla Casarsa-Portogruaro, l’altra linea del FVG che viene trattata male come la Sacile-Gemona… anzi, peggio… perché quando si guastava un Minuetto, era proprio la Casarsa-Portogruaro per prima a rimanere senza corse, perché più breve e più facilmente sostituibile.
        La chiusura per neve di quest’inverno, come per la Casarsa-Portogruaro, è stata chiesta dall’ANAS. Concordo che sia stata una chiusura che poteva essere tranquillamente evitata e che TrenItalia ha sicuramente accettato con gran gioia.

  6. Federico ha detto:

    Salve! Sono io che ho fatto le foto a Maniago, foto in cui si vedevano vari mezzi ferroviari manutentivi andare e venire dal punto dell’incidente. E proprio per questo anche secondo me non chiuderanno la linea, non avrebbe senso ripararla per poi chiuderla. Probabilmente non hanno rotabili a disposizione per espletare il servizio (ed è solo una mia ipotesi). Speriamo che magari, con l’anno nuovo, quando arriveranno i nuovi treni CAF, ne vedremo uno sulla nostra Sacile-Gemona. Io abito a Pinzano, e per questo la linea per me e per tutti, è molto importante. Se solo fosse sfruttata meglio, probabilmente più persone prenderebbero il treno. Pensare che nei feriali ci sono solo 2 coppie da e per sacile, che per di più si fermano a Pinzano, è ridicolo.

    • Marco Chiandoni ha detto:

      Ciao Federico,
      Ti inoltro un invito ad una conferenza per domenica prossima.
      Io ci saró, sarebbe bello conoscersi e poter pensare assieme alla linea Gemona Sacile

  7. Carlo ha detto:

    I nuovi treni sono tutti elettrici e non vanno bene per la Sacile-Gemona.

    • Marco Chiandoni ha detto:

      Purtroppo Carlo ha ragione. Certo che questi Minuetto non sono stati un grande acquisto

  8. Carlo ha detto:

    Però sono solo i diesel che hanno problemi…

    • Marco Chiandoni ha detto:

      Si, è vero.
      In generale il problema che riscontro spesso, meccanica a parte, sono i wc: il rubinetto eroga pochissima acqua, lo sciacquone a fotocellula spesso è guasto, c’è scarso ricambio d’aria, la chiusura del portellone spesso è guasta…

  9. Simone ha detto:

    Il fatto che si facciano lavori a rigor di logica non dovrebbe preludere a una chiusura; tuttavia in Italia non è sempre stato così. La linea Sicignano degli Alburni – Lagonegro, di notevole valore paesaggistico (Vallo di Diano, parco nazionale, e grotte di Pertosa, certosa di Padula ecc.) oltre che gravitante su un bacino d’utenza non trascurabile (la zona è tutt’altro che spopolata), fu chiusa nel 1986 per permettere l’elettrificazione della Battipaglia – Sicignano – Potenza – Taranto di cui era diramazione. Furono installati gli impianti di controllo centralizzato del traffico, fu sostituito persino l’armamento per un buon tratto; ma quando riaprì (dopo più anni del previsto) la linea principale Battipaglia – Potenza – Taranto la Sicignano – Lagonegro non riaprì più. E tutt’ora il servizio è svolto con autocorse sostitutive… sono passati ventisei anni.
    Morale: stiamo in campana. Storicamente molti rami secchi o presunti tali sono stati chiusi a seguito di incidenti o danni pur di lieve entità.

  10. Nicola ha detto:

    Buona sera, questa situazione ha dell’incredibile!! Sono stato oggi alla stazione di Budoia-Polcenigo(stazione che io utilizzo), e c’erano 2 treni di manutenzione, traversine, binari e tombini nuovi e persino matasse enormi di cavi ovviamente nuovi e ben due squadre di operai al lavoro. E questa linea deve chiudere? Assurdo, è come se io prima di demolire una casa spendessi soldi per ritinteggiarla!

    • Marco Chiandoni ha detto:

      Questo fa ben sperare, ma le illogicità non sono nuove nelle ferrovie. Dia un’occhiata al sito stagniweb e su ultimi aggiornamenti legga la strage di linee prevista in Piemonte o la storia in Abruzzo.
      Resta il fatto che 5 mesi son tanti: appena avró notizie più chiare, scriveró.
      Se vuole posso inserirla nella mailing list del comitato pendolari

      • Nicola ha detto:

        Purtroppo lei ha ragione, era un po’ uno sfogo per la situazione e in fondo una speranza in piú!! Per l’iscrizione al comitato per me va bene e la ringrazio.

I commenti sono chiusi.