Un altro modo di vivere il T.P.L.


Un modo diverso di vivere il trasporto pubblico locale consiste nel suo utilizzo nel tempo libero: in questo post vi racconto la mia idea sperimentata oggi di buon’ora.
A me piace correre, lo faccio per rilassarmi e percio’ evito le zone di traffico, prediligendo se possibile la campagna.
Ho una buona resistenza e questo mi consente di percorrere tratti dai 10 ai 20km. Solitamente organizzo la corsa realizzando un percorso che mi riporta a casa, ma, pensando ai miei percorsi abituali ho ipotizzato di arrivare ad una meta e poi rientrare con un mezzo pubblico.
Avendo l’abbonamento ferroviario Udine-Trieste, ho scelto Buttrio come punto di arrivo.
Il percorso compiuto si effettua per buona parte in campagna, tra la zona di Laipacco e Pradamano: sentieri conducono fino al centro abitato di quest’ultimo paese, lo si attraversa e si attraversa il Torre, sbucando a circa 1,5km da Buttrio.
L’arrivo in paese conduce al campanile, dopo il quale una lunga e trionfale discesa porta alla salita della stazione.
Il percorso dura circa un’ora, per un distanza di piu’ o meno 10 km.
La stazione purtroppo non consente di rinfrescarsi: i bagni sono chiusi e non e’ presente una fontanella d’acqua.
Io sono partito verso le 7.18 e sono arrivato a destino alle 8.23.
Alcuni suggerimenti:
– nel periodo estivo portatevi un foulard da mettere attorno al collo: l’aria condizionata e’ gelida e rischiate di ammalarvi
– la corsa in campagna attraversa alcuni tratti lontani dai centri abitati: se siete donne, suggerisco perlomeno di correre in coppia

Questo e’ il primo giro che ho compiuto sfruttando il mio abbonamento: nelle prossime puntate vi raccontero’ di altri bei percorsi, da fare in bici o di corsa, sfruttando al ritorno l’offerta dei mezzi pubblici.

Ecco infine il 2846, materiale “Minuetto”, in arrivo a Buttrio.

20120331-131922.jpg

Ps: se avete storie simili da raccontare, pubblicheremo volentieri il vostro giro.

Alla prossima!

Marco Chiandoni

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 2846, Comunicazioni utili ai pendolari. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Un altro modo di vivere il T.P.L.

  1. dodo ha detto:

    Mi scusi, ma l’abbonamento Trieste – Udine permette salite intermedie??.

    • mchiandoni ha detto:

      Forse lei si riferisce ai casi in cui un abbonato Ud-Ts via Gorizia voglia andare via Cervignano: in quel caso non puo’ scendere o salire nelle fermate che non fanno parte dell’abbonamento via Gorizia.

  2. Carlo ha detto:

    Tutti gli abbonamenti regionali permettono di salire e scendere in una qualsiasi delle stazioni intermedie al percorso…

  3. Simone ha detto:

    Molto bello il post di Marco! Oltre alla bella – e salutare – iniziativa personale, infatti, è l’occasione per ricordare la necessità di un mezzo che non sia di spostamento per i soli pendolari. Domenica, per radio, alla nota trasmissione “Vita nei campi”, un agente di commercio del settore enologico sottolineava come le vendite del vino siano calate a causa delle giuste restrizioni in termini di tasso alcolemico per chi guida e non vi siano mezzi pubblici sufficienti per uscire la sera rinunciando all’auto. Ecco, quando vado a cena a Pordenone da Udine, rigorosamente in treno, so di poter bere un bicchiere di vino in tranquillità, perchè poi è il treno a riportarmi a casa! Ma se da Pordenone a Udine ci sono treni fino all’una di notte, non altrettanto si può dire per altre tratte. Eppure in altri Paesi è normale muoversi anche per diporto in treno, mentre da noi sembra che il treno sia per pendolari, studenti e “sfigati”, e basta. Nel finesettimana a Udine si è svolto un evento di rilevanza enorme – non sufficientemente sottolineato dalla stampa, purtroppo: l’esecuzione della Johannespassion, della Matthaeuspassion e della Messa in si minore di Bach nel duomo. C’erano duemila persone ogni sera, letteralmente “accampate” nel duomo; e sarebbero state molte di più se fossero stati organizzati mezzi per il rientro.
    Insomma, spostare utenza in ferrovia equivale, indubbiamente, a meno morti sulle nostre strade.
    Cominciare a pensare al treno in modo diverso, come ha fatto Marco, mi sembra da incoraggiare e basta!

I commenti sono chiusi.